22 Luglio 2012 08:00

Un pò di Karate

L’abito (Gi) [modifica]

Il karate-gi. Consiste in due parti: uwagi (giacca) e zubon (pantaloni) usualmente portati con una obi (cintura) colorata (non mostrata nella foto).
In quasi tutte le arti marziali è uso allenarsi indossando un abito adeguato, chiamato gi (pronuncia: ghi); nel Karate, quest’abito è il karate-gi, composto da una giacca (uwagi), da un paio di pantaloni (zubon) di cotone bianco e da una cintura (obi) il cui colore designa il grado raggiunto dal praticante. Oltre al termine specifico “karate-gi”, l’abito per la pratica del karate può essere chiamato genericamente “keikogi” o “dogi”; mentre completamente sbagliato, ma molto in voga, è il termine “kimono”. Questa antica parola della lingua giapponese, che originariamente significava semplicemente “abito”, ai nostri giorni viene usata per indicare uno specifico tipo di vestito tradizionale che nulla ha a che vedere con la pratica delle arti marziali.
Fu il maestro Gichin Funakoshi ad adottare per primo l’uso del “karate-gi”. Infatti, in occasione della prima dimostrazione al Budokan di Tokyo, lui e un suo allievo indossarono un abito fatto da Funakoshi stesso la notte precedente, ispirandosi al modello del judo-gi ed utilizzando, però, una tela più leggera e comoda. Il colore bianco è quello naturale del cotone non tinto, essendo questo un abito semplice ed umile.
Regole di Karate-gi: Per gli atleti di Katà (Combattimento immaginario con uno o più avversari) il keikogi è più duro e si può portare anche corto; Per gli atleti di kumitè (Combattimento libero) il keikogi è più leggero e non deve essere lungo fino alle caviglie.
In molte arti del Budō (Kendo, Kyudo, Aikido), per esercitarsi si indossa, invece, una gonna-pantalone (hakama) tipico giapponese ma mai utilizzato ad Okinawa.
Cinture [modifica]

Per approfondire, vedi la voce Gradi del karate.
La cintura nel karate è un riferimento che indica l’abilità, attestata dal superamento di appositi esami, nella pratica della disciplina di chi la indossa.
Nel 1924, Gichin Funakoshi, fondatore del Karate Shotokan, adottò il sistema dei dan dal fondantore dello judo, Jigoro Kano. Egli usò un sistema di gradi con un set limitato di colori di cintura. Anche gli altri insegnanti di Okinawa adottarono questa pratica. Tuttavia il sistema di gradazione delle cinture può variare a seconda dello stile. Nel sistema kyū/dan i gradi per principianti cominciano con un kyū numerato in maniera crescente,(ad esempio 9 kyū) ed avanza in maniera decrescente fino al kyū di numero più basso. Il dan inizia col 1 dan (Shodan, o “cominciando a dan”) sino a giungere ai dan di grado più elevati. I gradi sono assegnati come una “cintura di colore” o mudansha (“uni senza dan”). I karateka con grado di dan sono assegnati come yudansha (“possessori del rango di dan”). Il yudansha porta tipicamente una cintura nera. I requisiti dei ranghi differiscono fra stili, organizzazioni e scuole. La minima età e il tempo nei gradi sono fattori promozione importanti.
L’esame consiste nel dimostrare le tecniche di fronte ad una commissione di esaminatori. Questa varia da scuola a scuola, ma l’esame può includere tutto ciò che si è imparato fino a quel punto oppure nozioni nuove. La dimostrazione è una domanda per grado nuovo (shinsa) e può includere: kata, bunkai, l’autodifesa, routine, tameshiwari (“rompendo”), e/o kumite (combattimento). L’esame di cintura nera può includere anche una parte scritta.
I colori delle cinture sono sette, corrispondenti a diversi livelli di “kyū (= bambino)” e “dan (=adulto)”:
10º kyu: cintura bianca
9º kyu: cintura bianca/gialla
8º kyu: cintura gialla
7º kyu: cintura gialla/arancione
6º kyu: cintura arancione
5º kyu: cintura arancione/verde
4º kyu: cintura verde
3º kyu: cintura verde/blu
2º kyu: cintura blu
1° kyu: cintura marrone
cintura nera 1º dan
cintura nera 2º dan
cintura nera 3º dan
cintura nera 4º dan
cintura nera 5º dan
cintura nera (o bianco-rossa) 6º dan
cintura nera (o bianco-rossa) 7º dan
cintura nera (o bianco-rossa) 8º dan
cintura nera (o rossa) 9º dan
cintura nera (o rossa) 10º dan
Esistono, presso alcune scuole, ulteriori cinture intermedie o una diversa classificazione delle cinture (bianca, bianco-gialla, gialla, gialla-arancione, arancione, arancione-verde, verde, verde-blu, blu, blu-marrone, marrone, marrone-nera; e così via). Inoltre è molto usata la cintura bianco-rossa per il 6°, 7°, 8° dan e rossa per i 9° e 10° dan (anche se non è una regola assoluta). Dopo la cintura marrone si passa a cintura nera che rimane tale al raggiungimento di gradi superiori (dan), dal 1º in poi. L’ideogramma dan si trova anche nella parola shodan, che significa “principiante”, per dimostrare come l’aver impiegato alcuni anni per diventare cintura nera sia davvero poca cosa in confronto a tutti gli anni di allenamento che aspettano. Generalmente, dopo il 6º dan, il grado viene assegnato solo per meriti speciali e non più in seguito ad esami, anche se il modo in cui vengono rilasciati i più alti gradi dan può variare da federazione a federazione. Per i gradi più elevati non viene valutata solamente la mera capacità tecnica raggiunta ma soprattutto le doti di esperienza, didattica, organizzazione, sviluppo e dedizione a quest’arte marziale.
Bisogna però sottolineare come il formalismo relativo al vestiario e alle cinture iniziò solamente con lo sviluppo di massa del karate e quindi con la sua commercializzazione, soprattutto in occidente. Alle origini, il karate era praticato con i vestiti quotidiani, spesso solamente con la biancheria intima e non esistevano le graduatorie per cinture. Da molti praticanti di karate tradizionale, la cintura è considerata un simbolo di un certo livello di conoscenza e di percorso ma non possiede certo un valore meramente di grado.
In origine la cintura era solo bianca. Con il passare del tempo, a furia di utilizzarla, essa si sporcava e di conseguenza si anneriva. Perciò più una cintura era nera, ovvero sporca, più significava che veniva indossata da molto tempo; ciò significava che uno con la cintura nera praticava il karate da molto e quindi era bravo, mentre uno con la cintura bianca era agli inizi. Da qui ha avuto origine la colorazione delle cinture bianca e nera e in seguito tutte le colorazioni intermedie in ordine cromatico. non è giusto il pensiero che la nera è l’obiettivo, o meglio: è un obiettivo però la cintura nera simboleggia l’inizio. infatti si inizia a imparare quando si ottiene la nera perché si guardano i kata e i movimenti con un occhio diverso da quello del bambino che certe cose non le può capire a differenza di un adulto.
Filosofia [modifica]

Gichin Funakoshi interpretò il “kara” del Karate-dō con il significato di “purgare se stessi da pensieri egoisti e malvagi, perché solo con una mente e coscienza limpida il praticante può comprendere la conoscenza che riceve”. Funakoshi riteneva che il karateka doveva essere “interiormente umile ed esternamente gentile”. Solamente comportandosi umilmente si può essere aperti alle molte lezioni del Karate. Questo può essere fatto solamente attraverso l’ascolto ed attraverso la ricezione delle critiche. Egli considerava la cortesia di primaria importanza. Diceva che “il Karate viene propriamente applicato solo in quelle rare situazioni in cui uno deve davvero atterrare qualcuno o essere da lui atterrato”. Funakoshi ha ritenuto insolito per un appassionato l’utilizzo del Karate in uno scontro fisico reale più di una volta nella vita. Egli disse che i praticanti di Karate “non devono mai essere facilmente trascinati in una lotta”. Resta inteso che un colpo scagliato da un vero esperto potrebbe significare la morte. Risulta chiaro che coloro i quali fanno un uso distorto di ciò che hanno imparato portano disonore a se stessi.[10]
Tecniche del karate-do [modifica]

Per approfondire, vedi la voce Tecniche del Karate-do.
Il karate prevede lo studio approfondito di tecniche di colpo dette “atemi waza”, parola derivata dalla contrazione del verbo “ateru-colpire” e “mi-corpo”. Si utilizzano pugni, calci (principalmente alle gambe e al tronco), gomitate, ginocchiate e colpi di percussione a mano aperta nelle zone sensibili del corpo umano (femore, articolazioni, fegato, gola, costole fluttuanti) al fine di provocare un trauma anatomico che neutralizzi l’avversario nel modo più veloce ed efficace possibile seguendo la regola del “minimo sforzo, massimo risultato”. Da segnalare che nello studio più avanzato dell’arte vengono esaminati anche gli “tsubo” o “punti di pressione” e particolarmente rilevante è il fatto che nel primo testo redatto dal maestro Funakoshi (“Karate-do Kyohan”) un intero capitolo fosse dedicato all’anatomia umana a dimostrazione che non solo si deve imparare “come” colpire ma anche, e soprattutto, “dove”. Tutte queste tecniche sono corredate da un insieme di parate, schivate, spostamenti e scivolate atte a deflettere e intercettare gli attacchi oltre a proiezioni, spazzate, bloccaggi e leve articolari. Non si deve però pensare al Judo o all’Aikido. Le proiezioni e le spazzate del karate non prevedono di “lanciare” l’avversario in lontananza (come nell’Aikido) ma di “sgretolarlo” sul suo centro, a terra, per impedirgli di contrattaccare e quindi finalizzarlo con tecniche di colpo. Il karate, del resto, è primariamente un’arte di percussione sebbene il suo studio comprenda tutte le possibilità di combattimento.
Preparazione fondamentale (Kihon) [modifica]

Per approfondire, vedi la voce Kihon.
Il Kihon è un termine che indica le tecniche di allenamento base, di parata o di attacco, su cui si basa il Karate. In pratica, si tratta di esercizi propedeutici all’esecuzione tecnica nel Karate.
Kata o Forme [modifica]

Per approfondire, vedi la voce Karate Kata.
il kata è un combattimento contro un avversario immaginario, una specie di prova. Nel Kata, che significa “forma”, si racchiudono le tecniche diffuse dalle varie scuole. Il karate ha una vasta gamma di kata che si differenziano nei diversi stili. I kata possono essere visti come delle tecniche marziali prestabilite, per la maggior parte, nelle otto direzioni dello spazio. Il kata non viene considerato come un combattimento simbolico eseguito a vuoto, ma come un combattimento contro uno o più avversari. Il numero dei kata, ma anche i loro nomi e i kata stessi, cambiano in base alla scuola (“stile”) che si pratica. Gli elementi fondamentali per eseguire un buon kata sono: la tecnica, kime (la breve contrazione muscolare isometrica eseguita nell’istante della conclusione della tecnica), la potenza (indicata dalla formula P=FxV dove la velocità risulta essere maggiormente incisiva della forza), l’espressività, il ritmo e la sua bellissima storia. la maggior parte delle vlte, un kata ( nelle gare a squadre ) è seguito dal bunkai, cioè la messa in pratica delle tecniche e la dimostrazione dell’efficacia delle tecniche e dei movimenti. solitamente le squadre sono formate da tre persone e, mentre negli altri paesi no, in italia vige una regola per cui il Torei ( colui che si difende) deve essere uno.
Bunkai kata [modifica]

Per approfondire, vedi la voce Bunkai.
Bunkai letteralmente significa “smontare” ed indica lo studio per l’applicazione pratica delle tecniche contenute nei kata. Lo studio di esse permette di estrapolare dai kata efficaci tecniche di difesa, molto spesso proiezioni, tecniche combinate, leve articolari e spazzate che sono nascoste magari all’interno di una tecnica di pugno o parata. Lo studio dei Bunkai Kata è uno dei più complessi dell’arte poiché richiede una chiave di lettura che si deve dedurre dallo stile del fondatore. E’ altresì uno degli argomenti più delicati per i teorici e gli studiosi dell’arte marziale poiché non possediamo documenti scritti sulla pratica del bunkai sebbene essa sia importantissima per la comprensione del karate. Da ricordare, inoltre, come le tecniche dei kata derivano da tecniche di combattimento codificate e non il contrario. Ciò significa che le tecniche contenute nelle forme sono funzionali e non mera tradizione scolastica.
Il combattimento (Kumite) [modifica]

Per approfondire, vedi la voce Kumite.
Gichin Funakoshi (船越 義珍), disse: “Non ci sono dispute nel Karate”. Prima della seconda guerra mondiale, in Okinawa, il kumite non era parte integrante dell’insegnamento. Shigeru Egami riferisce che, nel 1940, alcuni karateka furono cacciati dal dojo perché usavano combattere facendo a pugni. Tra le caratteristiche del Kumite del Karate si nota che i colpi, ad eccezione del Kyokushinkai (e degli stili a contatto pieno da esso derivati), non vengono affondati alla ricerca del knockout dell’avversario, ma vengono arrestati per ovvi motivi di incolumità. Le tecniche tuttavia devono dimostrare il loro potenziale ed essere eseguite, arrestandole con controllo per non arrecare eccessivi danni. Ciò è possibile grazie ad un adeguato allenamento e ad un opportuno regolamento di gara. Quest’ultimo infatti prevede, in linea di massima, un lieve contatto a livello addominale, nessun contatto con tecniche di braccio al volto e un lievissimo contatto con tecniche di calcio al volto (anche se esistono vari regolamenti e, per esempio, in alcune federazioni e in determinati stili il contatto è consentito). L’eventuale ausilio di protezioni preventive (conchiglia, paradenti, corpetto, paratibia-piede, guantini) e l’adozione di sanzioni adeguate e di opportune norme completano il regolamento nella massima tutela dei praticanti. Negli anni cinquanta, il maestro Mas Oyama creò il Kyokushinkai (Full Contact Karate) e da esso, successivamente, si svilupparono molti altri stili che facevano del contatto pieno il loro punto di forza.
Condizionamenti [modifica]

Il karate di Okinawa usa un addestramento supplementare noto come Hojo undō (補助運動). Questo utilizza una semplice attrezzatura fatta di legno e pietra. Il makiwara è uno degli attrezzi più usati (allenamento all’impatto dei colpi). Il “nigiri game” è un grande vaso usato per rinforzare la presa di mani e dita. Questi esercizi supplementari sono progettati per aumentare forza, capacità di resistenza, velocità e coordinazione muscolare. Il karate sportivo enfatizza esercizio aerobico, anaerobico, potenza, agilità, flessibilità e gestione dello stress. Tutte le pratiche variano a seconda delle scuole e degli insegnanti.
Karate sportivo (Sporting Karate) [modifica]

Per approfondire, vedi la voce Karate sportivo.
La federazione mondiale del karate (WKF) è riconosciuta dal comitato olimpico (CIO) ed internazionale come responsabile per la competizione di karate nei giochi olimpici. La WKF ha sviluppato regole comuni che governano tutti gli stili. I WKF organisations nazionali coordinano coi loro rispettivi comitati olimpici nazionali.

Due karateka in combattimento.
Il karate non ha lo status olimpico. Nella 117ª sessione del CIO (luglio 2005), nella votazione per determinare se diventare sport olimpico, più della metà dei voti fu favorevole, ma era necessario il raggiungimento di almeno i due terzi dei votanti. Sul fronte karate sportivo va precisato che, oltre alla WKF, ci sono realtà diverse che enfatizzano il combattimento, nelle cui competizioni si può vincere anche per KO. Famoso è il Sabaki Challenge, dove ogni anno si sfidano atleti provenienti da ogni parte del mondo. Da menzionare, poi, i campionati mondiali di Kyokushinkai e Ashihara; entrambi caratterizzati da un numero rilevante di atleti internazionali.

AttivitàFitnessUn pò di Karate